“I 150 anni di Roma Capitale d’Italia, che ricorreranno nel 2020, devono divenire l’occasione per una svolta significativa e sostanziale, che può essere rappresentata dal conferimento di maggiori poteri ai municipi, insieme ad una dotazione di misure per infrastrutture, trasporti e decoro urbano”.

Così il Segretario della CNA di Roma, Stefano Di Niola, intervenuto ai lavori dell’Osservatorio Parlamentare per Roma, ribadendo la necessità di innovare l’assetto amministrativo della città, e non solo di dotarla di nuovi poteri e risorse.

Roma è la città con il maggior numero di imprese iscritte alla Camera di Commercio – prosegue Di Niola –  questo è un elemento imprescindibile di cui si deve tener conto. Il sistema produttivo di Roma e Provincia è una realtà composita, fatta di imprenditoria diffusa, spesso a conduzione familiare, che ha diritto di essere presa in considerazione, senza lasciare indietro le diverse componenti sociali e le periferie”.

Il cambiamento è possibile – conclude il Segretario CNA Roma – ma per metterlo in atto bisogna ricorrere alla passione per la nostra città, come motore per andare avanti che ci permetta di lavorare tutti insieme, uniti sotto l’egida di un grande progetto di rinascita”. I 150 anni di anniversario della nostra nostra Capitale potrebbero essere la migliore occasione per mettere in pratica quelle che generalmente restano solo buone intenzioni.