Un tavolo permanente da convocare con urgenza per affrontare le criticità che interessano il settore delle revisioni. È questo l’impegno assunto dal viceministro Giancarlo Cancelleri, in audizione davanti alla commissione Trasporti della Camera.

Già da gennaio la nostra Confederazione, attraverso un appello rivolto alle istituzioni, ha chiesto con forza di porre al centro dell’attenzione dell’agenda di Governo la questione delle revisioni e delle attribuzioni ai centri di controllo privati. Alle carenze organizzative e ai ritardi cronici degli uffici della motorizzazione, si aggiunge un quadro regolatorio incompleto che non consente ai centri di controllo privati di effettuare la revisione dei mezzi pesanti e, in generale, lo svolgimento delle operazioni di collaudo.

Temi che, insieme alla proroga delle revisioni in scadenza, al ruolo degli ispettori e all’aggiornamento delle tariffe, la presidenza di CNA Autoriparazione ha puntualmente esposto al viceministro Cancelleri, nell’incontro che si è tenuto il 15 luglio scorso presso la nostra sede nazionale.

È il momento della concretezza e della celerità per offrire una soluzione alle inefficienze della motorizzazione e assicurare capillarità, prossimità e speditezza nell’erogazione dei servizi, attraverso un potenziamento del ruolo dei centri di revisione, a garanzia dei cittadini e a presidio della sicurezza stradale.

Le priorità a più riprese indicate da CNA Autoriparazione siano recepite dai lavori del tavolo. Il Governo può contare sulla nostra piena collaborazione e conoscenza del settore per mettere a punto gli interventi necessari.