Lo scorso 9 luglio attraverso un webinar CNA ha presentato, insieme al ministero dello sviluppo economico, il nuovo bando Macchinari innovativi.

Adesso questo importante strumento agevolativo è ai nastri di partenza e dalle 10 del prossimo giovedì, 23 luglio, sarà possibile compilare la domanda, inviabile, poi, dallo stesso orario del giovedì successivo, il 30 luglio.

Il nuovo bando Macchinari innovativi sostiene la realizzazione, nei territori delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, di programmi di investimento finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale d’impresa ovvero a favorire la transizione del settore manifatturiero verso il paradigma dell’economia circolare.

L’intervento è destinato alle PMI, ai professionisti e alle reti d’impresa, che presentano programmi innovativi di valore compreso fra 200 mila e 3 milioni di euro. L’agevolazione è pari al 75% delle spese ammissibili ed è concessa in parte come contributo a fondo perduto, in parte come finanziamento agevolato, con percentuali differenziate in relazione alla dimensione d’impresa.

Ricordiamo che i soggetti interessati agli incentivi previsti dal bando, devono presentare istanza esclusivamente tramite la procedura informativa, disponibile nella sezione dedicata del sito del Ministero.

Per le reti senza soggettività giuridica, le PMI non residenti in Italia o amministrate da persone giuridiche o enti diversi dalle persone fisiche, l’accesso alla procedura informatica può avvenire solo previo accreditamento e verifica dei poteri di firma. A tale fine, a partire dalle ore 10 del 14 luglio 2020, occorre inviare una specifica richiesta via PEC a: nuovobando.macchinarinnovativi@pec.mise.gov.it, corredata dei documenti utili a identificare il soggetto proponente, il rappresentante e l’eventuale delegato alla presentazione della domanda.

Le domande verranno ammesse a istruttoria sulla base dell’ordine cronologico di presentazione, fino a esaurimento fondi.

Per gli ulteriori approfondimenti, si rinvia al sito Hub.CNA o alla lettura della scheda di sintesi.